La Fatica Tranquilla

All’inizio della Parashà di Vayakhèl la Torà racconta che Moshè radunò il popolo e ricordò loro diverse leggi e in particolare l’obbligo di osservare lo Shabbàt. “Per sei giorni si lavorerà, ma il settimo giorno sarà per voi giorno di riposo assoluto, Sabato consacrato al Sign-re” (Esodo 35 ,2).

I maestri del Talmùd deducono da questo versetto che non solo l’osservanza dello Shabbàt è una mitzvà ma anche il lavoro dei giorni feriali fa parte del servizo del Sign-re.

Il versetto contiene anche un’allusione alla maniera nella quale dovrebbe svolgersi questo lavoro. Moshè, che si trova con il popolo radunato dinanzi a lui, non dice “per sei giorni lavorerai” in prima persona, ma “si lavorerà” — come se questo lavoro si svolgesse da solo.

È questo, in effetti, quello che la Torà ci sta insegnando: Sì, il lavoro è necessario — ed è addirittura una mitzvà svolgerlo. Ma non ci si deve immergere nel lavoro con tutta la testa e l’anima.

L’ebreo deve sempre ricordare che il lavoro non è lo scopo della vita bensì un mezzo e uno strumento per sostenersi. La vera vita è quella dello spirito, lo studio della Torà e la preghiera, le opere positive e le mitzvòt, ecc.

Questo concetto è alluso anche in un verso dei Salmi di Davide (128, 2): “Quando mangi dal lavoro delle tue mani, la felicità e il bene siano con te”.

Si parla dell’opera delle mani per insegnarci che le mani, che rappresentano l’azione e le facoltà inferiori, sono quelle che vengono immerse nel lavoro mentre la testa e le facoltà superiori vengono impiegate più che altro nello studio della Torà e il servizio di D-o.

Quando la persona si comporta in questo modo – “la felicità e il bene siano con te”…

Si potrebbe pensare che se uno non investe tutte le proprie forze nel suo lavoro non avrà successo. È qui che entra in ballo la emunà – la fede.

In fin dei conti, il sostentamento deriva dal Sign-re. È possibile riscuotere successo da un affare poco attraente alla quale si è prestato poca attenzione e perdere in un affare che è stato curato fin nei minimi dettagli. Poiché alla fine decide Lui…

Usando questo atteggiamento, quindi, la persona affronta sia i giorni feriali che lo Shabbàt in un modo diverso, più tranquillo.

Basato sulle opere del Rebbe di Lubavitch זי“ע

Tag: , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: