Eruv Tavshilin

B.H.
ERUV TAVSHILIN

Al fine di permetterci di cucinare di Mo’ed per Shabbat (di regola è permesso cucinare di Mo’ed solo per il giorno stesso e solo da un fuoco già acceso da prima di Mo’ed), dobbiamo fare alla vigilia di Shavuot, giovedi 28 Maggio, l’Eruv Tavshilin: Si prendono due cibi cotti di almeno 30 gr. ciascuno (di solito una Chalà ed un’altra pietanza come uova, pesce ecc.), e si recita la benedizione con la formula scritta nel Siddur . Questi cibi dovranno poi essere consumati di Shabbat.

Ognuno è tenuto a fare l’Eruv a casa propria prima dell’accensione delle candele.
“Bediavad” (a posteriori) ci si può basare sull’Eruv pubblico fatto dal rabbino del proprio Tempio prima della festa, ma a priori ognuno faccia attenzione a compiere la Mitzvà personalmente.

Si alza l’Eruv e si recita la benedizione seguente:
BARUCH ATTA’ AD-NAI ELO-NU MELECH HA’OLAM ASCER KIDDESHANU B’MITZVOTAV VETZIVANU AL MITZVAT ERUV.

Dopo aver recitato la berachà si pronuncia il verso in aramaico o in alternativa la corrispondente traduzione in italiano:

CON QUESTO CI SIA PERMESSO CUCINARE, CUOCERE, ACCENDERE FUOCO* E FARE TUTTO IL NECESSARIO PER LO SHABBAT.

Hag Sameach,
Rav Yitzchak Hazan
Bet Chabad di Roma

*Da un fuoco già esistente da prima della festa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: