Uno Tace e Tutti Ascoltano

Ieri sera abbiamo festeggiato la data del 19 di Kislev che è considerato il capodanno del Chassidismo tenendo un incontro chassidico. Come si definisce un incontro chassidico? Si sta insieme, si mangia qualcosa e si dice un po’ di “lechaim”, si canta e … si tace. Durante un incontro chassidico dicevano i Chassidim di una volta “uno tace e tutti ascoltano”…

“Vi sono molti capodanni – spiegò ieri sera a Via Balbo il rav Adin Even-Israel Steinsaltz – esiste il capodanno “grande” durante il quale ‘prendiamo atto di tutte le nostre azioni positive o meno dell’anno passato; esiste il ‘capodanno degli alberi’ ed esiste il ‘capodanno del Chasidismo’. Cosa ci chiede questo giorno? Ci chiede di crescere, ognuno a secondo del proprio livello. Crescere non solo negli aspetti della vita ebraica che diamo per scontato ma anche in ciò che può essere considerato ‘in più'”.

Il rav illustra le proprie parole indicando uno dei presenti e dicendogli “vedi, quando la tua anima arriverà davanti alla Corte Celeste, diranno che sei stato un bravissimo ebreo ma, chiederanno ‘dov’è la tua barba?!’ Mentre quando verrai tu la sopra – a questo punto rav Steinsaltz si rivolge ad un’altro dei presenti – l’angelo prenderà in mano la tua barba e dirà ‘barba barba, dove è il tuo ebreo?!”

“Ognuno quindi deve crescere a sua maniera…”

L’ospite d’onore della serata giunto da Milano, il rav Moshe Lazar, ha ispirato i molti presenti con le sue parole di isegnamenti e racconti chassidici.

“Uno degli allievi di rav Dov Ber, il Maghìd [predicatore] di Mezerich, gli domandò come fosse possibile accettare la sofferenza con gioia. Per lui era chiaro che tutto, anche la sofferenza, viene dal Sign-re e quindi era pronto ad accettarlo. Ma il Talmud dice che è possibile farlo con gioia… e questo è molto difficile capire. ‘Vai dal mio allievo rabbì Zusha, gli rispose il Maghìd e da lui potrai avere la risposta.’

“L’allievo si recò presso rav Zusha e rimase sorpreso dal livello di povertà nella quale quest’ultimo viveva. La casa non era altro che una baracca malandata, sedie rotte, i bambini scalzi e da mangiare non si vedeva… Oltre tutto il rav Zusha stesso soffriva di diverse malattie.

“L’amico fu accolto dal rav Zusha con gioia genuina. Il maestro mi mandò da lei per capire come accettare le sofferenze con gioia, disse l’ospite.

“Ma sei sicuro che ti ha mandato da me? chiese rabbì Zusha. Io non ho mai sofferto!

Vi auguriamo Shabbat Shalom

Rav Shalom e Chani


Foto della settimana

19 Kislev a Roma

19kis

morr

Chanuccà al Parco Morelli” – 5° edizione!!!

lunedì 6 dicembre dalle 17,00 alle 19,00
Viale Isacco Newton, 43

* Accensione grande Chanucchià! * Sufganiòt per tutti!
* Giochi e gettoni per le giostre!

dai 0 -13 anni – 5€ a bambino
Pssssst…ci sarà un regalino sorpresa per tutti i bimbi!

Orari al Tempio

26 novembre venerdì sera: 16,25

27 novembre shabbàt mattina: 9,30

Il Kiddush è offerto da Aharon e Rosy Zanzuri in occasione del compleanno di Samuel. Mazal Tov e Hazzak!

27 novembre shabbàt pomeriggio: 16,20

29 novembre lunedì Tanya e Talmud (uomini): 20,00
barb

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: