Il Ladro Credente

“Shemà Yisrael Ado-nai Eloh-énu Ado-nai Echàd.”

Questa preghiera in realta’ e’ un versetto tratto dalla Parasha’ di questa settimana, nella quale Moshé continua ad istruire e preparare il popolo d’Israele ricordando loro anche gli eventi che li hanno portati al punto di trovarsi, al culmine dei quarant’anni nel deserto, sulla soglia della Terra Santa.

Sono molti i commenti su questo versetto e la sua importanza. Cerchiamo di esplorarne alcuni:

1) “Shemà Yisrael” vuol dire “ascolta Israele”. Moshe invita il popolo ad ascoltare, ad approfondire, a prendere atto. Il contenuto del versetto non e’ solamente un invito generico al popolo ma diventa un’esperienza personale. Quando l’ebreo recita lo Shemà due volte al giorno è come se parlasse a se stesso. Chiamandosi con il nome del popolo “Yisrael” la persona dice a se: Ascolta Yisrael: D-o è nostro ed è unico.

2) Nel scrivere la Tora’ vi sono tre misure di lettere. Quelle medie, le piu’ comuni, le lettere grandi e quelle piu’ piccole. Vi e’ sempre un significato e un motivo per la presenza di una lettera “straordinaria”. Nel nostro versetto ne troviamo due. La ‘Ayin ע della parola Shema’, e la dalet ד della parola echad.

Uno degli insegnamenti in riguardo: Unite, queste due lettere formano la parola ‘Ed, che significa “testimone”.
Il significato è doppio. Da una parte, leggere lo Shemà è una forma di testimonianza della presenza e l’unicità di D-o. Dall’altra, l’ebreo stesso, la sua esistenza, è un miracolo che testimonia la grandezza di D-o. Il profeta Isaia, infatti, profetizza dicendo “Voi siete i Miei testimoni…” (Isaia 43, 10).

Quando ci si chiede “qual è la prova della Sua esistenza?”, basta guardare il Suo popolo, che nonostante molti abbiano cercato di annientarlo, rimane ancora in esistenza.

3) Le stesse due lettere messe nell’ordine contrario, formano la parola – “sappi”. Questo potrebbe alludere alla mitzvà di approfondire la conoscenza del Creatore (Devarìm 4, 39, vedi anche Cronache I 28, 9).

Il significato è che a parte l’obbligo di credere in D-o, il concetto della fede nell’ebraismo, siamo anche portati a studiarLo, dalle fonti giuste, e quindi di “conoscerLo” anche se in modo definitivo la cosa non è possibile.

La differenza tra la sola fede e quella accompagnata dallo studio approfondito si esprime anche nel nostro comportamento.

Il Talmud parla del ladro che prima di andare a “lavorare” prega il Sign-re che non sia visto e preso. Che paradosso! Se non avesse la fede non pregherebbe, ma se ce l’avesse realmente non commetterebbe furti!

In realta’ la fede potrebbe anche averla, ma ma la fede spesso rimane “in sospeso” in un vuoto tra l’anima e la persona, non sempre, quindi, si esprime nelle azioni.

Solo quando accompagnata dallo studio, la conoscenza, la fede fiorisce e produce frutti deliziosi.

di Rav Shalom Hazan

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: