Posts Tagged ‘gan rivka’

Voce Persa Lezione Presa

18 febbraio, 2011

Cari amici,

Visto che ‘lavoro’ molto con la voce, questa settimana l’ho proprio persa… cosa che mi ha costretto di parlare molto poco e anche quel poco solamente sussurando. Ho notato che molta gente rispondeva sussurando pur sapendo che non vi era motivo di parlare sottovoce e che io ne ero semplicemente rimasto senza.

Questo mi ha dato conferma e mi ha fatto riflettere su una verità: La gente ci risponde nella stessa maniera con la quale ci si rivolge ad essi.

Se un maestro si trova a meravigliarsi dei propri studenti che gli rispondono senza il rispetto dovuto, dovrebbe anche pensare ai metodi da esso adoperato nella comunicazione con gli stessi.

Se genitori si sentono rispondere in una maniera che li potrebbe fare arrossire per la rabbia, dovrebbero pensare a quali parole e toni usano loro nel parlare con i propri figli ma anche con i propri genitori! Molto spesso i figli rispondono ai genitori nella stessa esatta maniera che i genitori rispondono ai nonni! Ma ci si meraviglia comunque…

Alla luce di tutto ciò è stato un bel contrasto andare a trovare i bambini del nostro Talmud Torà il giovedì ed essere accolto con rispetto. E’ stato bellissimo sentire da loro non solo la storia di Purìm che stanno iniziando a studiare, ma anche approfondimenti sul significato della storia. Complimenti!

Anche nel nostro Gan Rivkà, sotto la guida di Chani, i bambini sanno che ci sono delle linee rosse che non vanno superate e questo è da loro apprezzato perché li aiuta a porre dei limiti a sé stessi, cosa che è difficile per i bambini fare da soli. Il problema è che spesso gli adulti si dimenticano di questo loro ruolo. La disciplina amorosa è il dono più grande che possiamo dare ai nostri figli!

Nella Parashà della settimana si parla proprio di noi “figli” disciplinati dal grande “Padre” per la vicenda del vitello d’oro. Vi invito a prendere in mano il libro e approfondire (con l’occasione non posso mancare di ricordarvi che abbiamo ancora disponibile il splendido libro Esodo dell’edizione Mamash a un prezzo ridotto).

Vi auguriamo un sereno e piacevole Shabbat,

Shabbat Shalom
Rav Shalom e Chani

Disabili o Speciali?

8 gennaio, 2010

Cari Amici,

Dopo la pausa invernale riprende l’attività della ludoteca Gan Rivkà.

Bentornati a tutti quanti!

fran

Questa settimana si inizia a leggere ed a studiare il libro di Shemòt – Esodo.

Si racconta che una volta una persona fu arrestata e messa in galera. Rimase lì per molti anni in assoluta solitudine. Sembrava che non ci fossero più gli ufficiali del carcere, che fossero andati via lasciandolo solo.

Un giorno passa una persona anziana e dalla finestra intravede la presenza dell’uomo carcerato. Cosa fai qui? gli chiede l’anziano. “Sono stato arrestato e sembra tutti si siano dimenticati di me”. La persona anziana si avvia verso la porta dicendo “ma hai provato ad aprire?” Con la mano gira la maniglia della porta che si apre tranquillamente…

Come dire, a volte la piccola redenzione che cerchiamo già c’è, basta rendersi conto…

Shabbat Shalom!
Rav Shalom e Chani Hazan

Shabbàt al Tempio

Orari delle Tefillòt per Shabbàt 8-9 gennaio:

8 gennaio venerdì sera: 16,35
9 gennaio shabbàt mattina: 09,30
9 gennaio shabbàt pomeriggio: 16,30
Il kiddush di questo Shabbàt è offerto dalla famiglia Aron e Rosi Zanzuri. Hazzak!

Gli incontri della settimana

mini-lezione 1: venerdì sera tra Minchà e ‘Arvìt: lezione di Halachà
mini-lezione 2: Shabbàt mattina prima della Tefillà lezione sul significato delle preghiere

Shabbàt pomeriggio dopo minchà: lezione con rav Bahbout
domenica 10/01: Come leggere il Séfer ore 20,30
martedì 12/01: Tanya e Talmud ore 20,00 (per uomini)
mercoledì 13/01: “Prima di poter gestire la vita, la devi capire” . . . Un approfondimento sui concetti di ‘vita’ e ‘esistenza’ore 20,30 (uomini e donne)

Video della settimana

Nel 1976 i giochi paralimpici (l’equivalente dei giochi olimpici per atleti con disabilità fisiche o intellettive) ebbero luogo a Toronto nel Canada. Vi parteciparono un centinaio di atleti israeliani, molti dei quali furono feriti in guerra per la difesa della terra d’Israele.
Approfittando del viaggio in Nord America, il gruppo si recò a New York per incontrare il Rebbe di Lubavitch.
Nel suo discorso il Rebbe sollevò l’idea che i termini “handicappati” o “disabili” non fosse corretto e che un termine “speciale” o “eccezionale” sarebbe più coerente. Colui che ha perso la facoltà fisica di un arto o una parte del corpo, riceve delle altre capacità, anche spirituali, che gli consentono di vivere una vita completa e piena. (Si tratta del 1976, quando ancora non erano di modo i termini ‘politicamente corretti’…)

Clicca la foto per vedere l’incontro (sottotitoli in inglese):

mezuyanim

Clicca qui per leggere la storia dalla prospettiva di una delle persone “speciali” presenti. “Il Rebbe disse grazie” (in inglese)

Sintesi della Parashà
Shemòt

I figli d’Israele si moltiplicano in Egitto. Il Faraone ordina alle ostetriche ebree, Shifrà e Puà, di uccidere tutti i neonati maschi. Vedendo che esse non gli obbediscono egli ordina agli egiziani di gettare i neonati ebrei nel Nilo.

Yocheved, figlia di Levì, e il marito Amràm, hanno un figlio che viene messo in una cesta impermeabile nel fiume mentre la sorella maggiore, Miriàm, lo sorveglia dalla riva. La figlia del Faraone trova il neonato, lo porta a casa e lo cresce come suo figlio chiamandolo Moshè.

Moshè cresce e inizia ad uscire dal palazzo dove scopre le sofferenze del suo popolo. Vedendo un egiziano picchiare fortemente un ebreo lo uccide. Il giorno dopo vede due ebrei coinvolti in una lite, quando li ammonisce essi lo accusano dell’uccisione dell’egiziano il giorno prima, Moshè per paura di essere condannato, è obbligato a fuggire a Midiàn. Lì aiuta le figlie di Yitrò scacciate dal pozzo dai pastori, sposa la figlia maggiore, Tziporà, e diventa pastore del gregge di suo suocero.

Il Sign-re si rivela a Moshè in un cespuglio rovente ai piedi del Monte Sinai dove gli ordina di andare dal Faraone dicendogli:  “lascia andare il Mio popolo, affinché essi Mi possano servire”. Aharòn, il fratello di Moshè, fungerà da suo portavoce. In Egitto,

Moshè e Aharòn radunano i saggi dei Figli d’Israele per dirgli che è giunto il momento della loro redenzione. Essi hanno fiducia nelle parole di Moshè ma il Faraone rifiuta di lasciarli andare incrementando le sofferenze dei Figli d’Israele.

Moshè rivolge una protesta al Sign-re, “Come mai hai fatto male al Tuo popolo?” Il Sign-re lo assicura che la redenzione è alle porte.

Tratto dal sito chabad.org, traduzione di Chani Benjaminson per chabadroma.org e pensieriditora.it

Novità della Settimana

4 settembre, 2009

Cari amici,

Sono molto lieto di annunciare la ripresa del Gruppo Donne di Monteverde che lancia il nuovo anno con un nuovo evento, l’Assaggio Internazionale di Rosh Hashanà, vedi ulteriore info in basso.

Dal rinnovo del Gruppo Donne ad un’autentica novità: Il Jewish Kids Club sarà un punto di incontro per bambini tra i 3 e i 9 anni una volta al mese. Puro divertimento con spirito ebraico gestito dalla Morà Chani Hazan e da Karen Di Veroli. Seguiranno informazioni dettagliate nelle prossime settimane…

Il tempio dei Colli Portuensi si sta preparando ad accogliere tutti voi per i Giorni Solenni e le Feste…venite a trovarci e sarete senza dubbio accolti con un sorriso! Se vi serve una mano nel seguire e capire le funzioni sarete proprio nel posto giusto.

L’ormai tradizionale appuntamento al Hotel Excelsior di Via Veneto per La Giornata di Studio – adesso nella sua ventesima edizione – domenica 13 settembre dalle 10 alle 14. Segue un pranzo leggero da prenotare scrivendo a rabbyhazan@yahoo.com. Organizza l’evento Rav Yitzhak Hazan, ospite speciale Rav Moshe Lazar (MI), interverranno il Rabbino Capo Rav dott. Riccardo Di Segni, Rav dott. Gianfranco Di Segni, Professore Gavriel Levi, Professore Yoav (Gianni) Dattilo ed altri.

Shabbat Shalom,

Rav Shalom Hazan
Direttore

——————–

Accensione delle Candele a Roma

4 settembre: 19,34

Uscita Shabbàt
5 settembre: 20,33

Parashà:Ki Tavò
(Deut. 26,1-29,8)

——————–

Questo Shabbàt al Tempio

Dopo alcune settimane di pausa il Tempio riprende per le funzioni del venerdì sera, Shabbàt mattina e pomeriggio.

Orari delle Tefillòt per Shabbàt, 4-5 settembre:

4 settembre venerdì sera: 19,30
5 settembre shabbàt mattina: 9,30
5 settembre shabbàt sera: 19,25

Per offrire il Kiddush di questo Shabbàt gentilmente contatta Rav Shalom. Grazie!
——————————–
Assaggio Internazionale di Rosh Hashanà
Gruppo Donne Di Monteverde

Il Gruppo Donne di Monteverde ha il piacere di invitarvi al lancio di un nuovo anno di mitiche serate dedicate alla donna ebraica.
La prima serata presenterà un’assaggio di una serie di cibi speciali di Rosh Hashanà…la preparazione di un mestolo particolare per abbellire il vostro tavolo di Mo’ed…e come sempre un’approfondimento sul significato della festa trasmesso da Chani…venite numerose!

Martedì 15 settembre alle 20,30 al Tempio dei Colli Portuensi.
Offerta consigliata: 20E

*Serve la conferma per assicurare il materiale sufficiente per tutti!*

Gentilmente non confermare su fb se non hai intenzione di venire…grazie (l’evento è aperto solo alle donne).

(Il nostro nome su facebook è Rav Shalom e Chani)
———————————–
I Libri di Rosh Hashanà

Aiutaci ad aiutare i nostri frequentatori dedicando i libri di Tefillà alla memoria di un caro. Al tempio servono ulteriori libri di Tefillà. Dedica 10 libri di Rosh Hashanà con 200Euro o 5 libri di Kippur per 200E. Ulteriori dediche disponibili per libri di Sukot e Simchàt Torà.

—————————

Questo Shabbàt al Tempio

Dopo alcune settimane di pausa il Tempio riprende per le funzioni del venerdì sera, Shabbàt mattina e pomeriggio.

Orari delle Tefillòt per Shabbàt, 4-5 settembre:

4 settembre venerdì sera: 19,30
5 settembre shabbàt mattina: 9,30
5 settembre shabbàt sera: 19,25

Per offrire il Kiddush di questo Shabbàt gentilmente contatta Rav Shalom. Grazie!

Assaggio Internazionale di Rosh Hashanà
Gruppo Donne Di Monteverde

Il Gruppo Donne di Monteverde ha il piacere di invitarvi al lancio di un nuovo anno di mitiche serate dedicate alla donna ebraica.
La prima serata presenterà un’assaggio di una serie di cibi speciali di Rosh Hashanà…la preparazione di un mestolo particolare per abbellire il vostro tavolo di Mo’ed…e come sempre un’approfondimento sul significato della festa trasmesso da Chani…venite numerose!

Martedì 15 settembre alle 20,30 al Tempio dei Colli Portuensi.
Offerta consigliata: 20E

*Serve la conferma per assicurare il materiale sufficiente per tutti!*

Gentilmente non confermare su fb se non hai intenzione di venire…grazie (l’evento è aperto solo alle donne).

(Il nostro nome su facebook è Rav Shalom e Chani)

I Libri di Rosh Hashanà
Aiutaci ad aiutare i nostri frequentatori dedicando i libri di Tefillà alla memoria di un caro. Al tempio servono ulteriori libri di Tefillà. Dedica 10 libri di Rosh Hashanà con 200Euro o 5 libri di Kippur per 200E. Ulteriori dediche disponibili per libri di Sukot e Simchàt Torà.

Per dedicare i libri rispondi a questa mail.

Chi l’Ha Comandato? II

27 agosto, 2009

Cari amici,

projetto talmudIl lungo periodo letargico estivo si avvicina alla sua conclusione. Noi al centro dei Colli Portuensi siamo già in piena preparazione per la riapertura del Tempio, l’inizio del Gan e tutte le attività e lezioni che vi proporreremo quest’anno, con varie eccitanti novità.

Leggete questa e le prossime mail con attenzione e scegliete almeno una cosa nella quale partecipare. La vostra anima (e anche la parte materiale…) sarà veramente contenta!

Con l’occasione vi ricordo che durante il mese di Elul è importante accertarsi della validità dei propri Tefillìn e delle Mezuzòt (che si possono rovinare con il tempo). Sono a vostra disposizione per il controllo delle Mezuzòt.

Un cordiale Shalom,

Rav Shalom Hazan
Direttore
———————————————
Al Centro Ebraico di Monteverde
(Tempio dei Colli Portuensi) sono disponibili Tefillìn, Mezuzòt, e libri di Torà e pensiero ebraico in italiano.
Ora è anche disponibile il libro di Tefillà di rito romano con la traduzione (Morashà, 2009).
Novità in italiano!

Il libro “Percorso di Vita” (Mamash, 2009, 294 pp.)
“Idee, spiritualità e valori ebraici nella società moderna”.
Interessante per tutti ma specialmente indicato per i ragazzi.
Disponibile ora a soli 15E.

gan logo

———————————————
Questo Shabbàt al Tempio
Finalmente si riprende!

Dopo alcune settimane di pausa il Tempio riprende per le funzioni del venerdì sera, Shabbàt mattina e pomeriggio.
Orari delle Tefillòt per Shabbàt, 29-30 agosto:

28 agosto venerdì sera: 19,30
29 agosto shabbàt mattina: 9,30
29 agosto shabbàt sera: 19,25

Per offrire il Kiddush di questo Shabbàt gentilmente contatta Rav Shalom. Grazie!

——————————————–
Il Gan Riprende…tu ci sei?

La ludoteca Gan Rivkà dei Colli Portuensi ha solo pochi posti ancora disponibil per l’anno 2009-10, per bambini dell’età di due o tre anni. Se tu o qualcuno di tua conoscenza sei interessato/a ad iscrivere tuo/a figlio/a…contattaci entro questa settimana! Scrivi a Chani chana.hazan@gmail.com o chiama il 3498188600.

Tutto lo staff vi aspetta!

La direttrice, Morà Chani
La maestra, Morà Emilia
La assistente Morà, Morà Sharon
La maestra di Musica e Movimento, Morà Chiara

Prendete appuntamento per vedere i nostri locali spaziosi, illuminati e accoglienti (chiamare dai primi di settembre).

——————————————–
Chi l’Ha Comandato? II
Continua dall’articolo della settimana scorsa. Per leggerlo clicca qui


La Torà nella Parashà della scorsa settimana (Shoftìm) ci ha spiegato che la trasmissione delle sue istruzione è una funzione dinamica che continua attraverso i maestri di ogni generazione e che siamo obbligati a seguire queste loro istruzioni. E’ per questo che accendendo i lumi di Chanukà, per esempio, possiamo pronunciare la benedizione e dire “coLui che ci ha comandato di accendere i lumi di Chanukà…” riferendoci a D-o, poiché è la Torà stessa che ci comanda di seguire le istruzioni dei maestri che appunto hanno istituito la festività di Chanukà. (Vedi l’articolo per leggere la spiegazione).

Ora ci resta a capire una curiosità: sembra che molte delle istruzioni, le mitzvòt cosidette “rabbiniche”, istituite dai maestri, abbiano più “successo”, nel senso che vengono adempite a volte con maggiore attenzione rispetto a quelle della Torà stessa!

Ebbene, esiste una famosa metafora che paragona il popolo ebraico ad una donna e il Sig.re al suo marito (tutto il Cantico dei Cantici del re Salomone si basa su questa metafora). Il momento del dono della Torà è simile al momento del matrimonio, della Chuppà (con la Torà stessa che funge da contratto matrimoniale – ketubbà).

Ogni marito sa che in un matrimonio vi sono degli obblighi, delle azioni che ci si aspetta lui faccia per facilitare la vita a sua moglie. Ogni marito lo sa e cerca anche di farlo, ma non è detto che lo faccia sempre con un sorriso. Alla fine, si tratta di “obblighi” che gli sono stati quasi “impostati” e come ogni cosa imposta (dagli altri, dalla società, ecc) diventa una cosa “pesante”…

Lo stesso marito in un momento di ispirazione andrà a scegliere un bel gioiello per la sua signora. Lo farà con calma e con molta attenzione e glielo presenterà con molto amore.

In teoria questo non gliel’ha chiesto nessuno e non gli viene imposto in nessun modo…non è paradossale che lo fà senza “pesantezza” mentre gli obblighi li vorrebbe dimenticare?

Assolutamente no! Proprio perché questa è una cosa “sua” personale non ho bisogno di una forza esterna che lo rafforza e incita a farla. E lo fà con tutto il cuore.

Nello stesso modo il popolo ebraico nel suo grande amore verso D-o gli porta questi “doni” spirituali voluti da sé stesso, a volte con un impegno ancora maggiore rispetto agli obblighi che la Torà ci ha imposto.

Durante queste settimane che precedono Rosh Hashanà e Kippur è opportuno pensare a questo nostro amore verso Hakadosh Baruch Hu. Sicuramente questo risveglierà in Lui l’amore verso di noi e ci benedirà, assieme a tutti i popoli e tutto il mondo, con un anno di pace e di prosperità materiale e spirituale.

di rav Shalom Hazan